Il fascino italiano in mare, Sanlorenzo

E’ difficile descrivere la sensazione che si prova a navigare su un superyacht. Lo stupore che si ha di fronte a uno scafo di 30 metri o più. O il piacere di guardare il tramonto dal flying bridge di una barca, sorseggiando un calice di champagne con i piedi nudi sul teak. Ma anche passare il tempo sul molo ad osservare la bellezza delle linee fluide e il design ricercato degli yacht di lusso può generare forti emozioni. E noi italiani questo lo sappiamo bene. Siamo infatti da svariati anni leader in questo particolare settore di nicchia. Un mercato fatto di lusso estremo in ogni sua componente, prezzi stellari per beni estremamente esclusivi e inarrivabili per oltre il 99% della popolazione mondiale. Questo è il mondo della nautica da diporto.
Mondo di cui  fa parte un’azienda 100% italiana che personalmente trovo di grande fascino, Sanlorenzo.


Il mio primo incontro con Sanlorenzo è avvenuto nel 2012 ad Ameglia dove ho potuto fare una visita al cantiere. Per raggiungere gli uffici bisognava passare vicino agli hangar di produzione dove mi sono trovato di fronte allo scafo sollevato probabilmente di un SL over 30 metri. Mi sono sentito una briciola a cospetto di quella massa che mi sovrastava, rimasi molto impressionato. Successivamente ho avuto modo di vedere diversi yacht Sanlorenzo attraccati in vari porti e mi hanno sempre colpito per la cura nei dettagli e l’attraente design che li caratterizza. Delle barche che colpiscono al cuore se ami la nautica, grazie a una formula estremamente semplice e valida per tutto il mondo del lusso : design 100% italiano, eccelsa qualità e una notevole attenzione alle esigenze più disparate dei clienti facoltosi.

SHARE

Leave a reply