#MALOSAPEVICHE il Duomo di Milano…

#MALOSAPEVICHE il Duomo di Milano è la quinta chiesa Cristiana più grande al mondo? Come dimensioni è superata solo dalla Basilica di S. Pietro a Roma, dalla Basilica di Nostra Signora di Aparecida in Brasile, dalla Cattedrale di San Giovanni Divino a New York e dalla Cattedrale di Siviglia. La superficie del Duomo è di 11.700 mq.

Questa chiesa è dedicata a Santa Maria Nascente e la sua costruzione, che è stata attuata in quali sei secoli, risale al 1386 e il suo stile è gotico – stile più tipico dei paesi del nord d’Europa che del mediterraneo – .

Questa chiesa è caratterizzata da varie curiosità. Una di queste è che il fianco sinistro è visibile solo di scorcio, a causa delle altre costruzioni troppo vicine. Un’altra curiosità è che nel 1810 venne costruita, tra le varie statue, la stata della libertà, che anticipa quella che i francesi regalarono agli americani oltre settant’anni dopo (si tratta di uno dei plagi più evidenti, anche se meno noti, della storia dell’arte mondiale). Un’altra curiosità interessante è che si dice che ci siano più statuine sulla facciata gotica del Duomo che in qualsiasi altro edificio del mondo. In totale, possiamo contare sul Duomo, 3’400 statue, oltre 135 gargoyle e 700 figure di altro genere.

Il Duomo di Milano è la chiesa gotica più famosa in Europa, una delle più note al mondo. E’ un riferimento importantissimo per la città di Milano, e un monumento simbolo per l’intera Italia.

Sfortunatamente, durante la Seconda Guerra Mondiale anche la struttura ecclesiale ha conosciuto le devastazioni dati i numerosi bombardamenti. Ciò nonostante i perseveranti interventi restaurativi hanno pienamente raggiunto lo scopo di preservarla, arricchirla e restituirla all’antico splendore, compresa la Madonnina (una delle 3’400 statuine figure presenti) collocata al suo apice, statua che per evitare che riflettesse la luce del sole fu, nel corso del secondo conflitto, coperta con alcuni panni, Del Duomo ha sempre colpito molto l’intricata rete di contrafforti, archi e pinnacoli che rappresentano il suo massimo tratto distintivo.

SHARE

Leave a reply